Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 26027 - pubb. 13/10/2021

Sulla nozione di mezzo anormale di pagamento ai fini della revocatoria fallimentare

Cassazione civile, sez. VI, 28 Settembre 2021, n. 26241. Pres. Ferro. Est. Dolmetta.


Revocatoria fallimentare - Mezzo anomalo di pagamento - Valutazione - Criteri - Mutamento nelle modalità di pagamento - Rilevanza



Ai fini della revocatoria fallimentare di cui all'art. 67, comma 1, n. 2 legge fall., la nozione di mezzo anomalo di pagamento si polarizza sul parametro dei mezzi comunemente accettati nella comune pratica commerciale, considerata rispetto a un dato periodo temporale e rispetto a una data zona di mercato (cfr., tra le altre, Cass., 15 luglio 2011, n. 15691; Cass., 7 dicembre 20:1.6, n. 25162, che ne trae conforto per una diversa lettura dei «pagamenti nei termini d'uso», di cui alla lett. a. del comma 3 dell'art. 67 legge fall.; Cass., 2 novembre 2017, n. 26063).

Appare pertanto chiaro che, per sé, non esistono figure di pagamento intrinsecamente normali (fuori che il denaro per l'adempimento delle obbligazioni pecuniarie, ex art. 1277 cod. civ., ed eventualmente l'assegno circolare; per il rilievo che un mezzo «anormale» tale rimane anche se previsto ab imo come modo di esatta esecuzione dell'obbligazione v. Cass., 22 maggio 2007) o, per contro, intrinsecamente anormali.

La qualifica di (a)normale di un mezzo di pagamento viene essenzialmente a dipendere dalla dimensione e dal tipo dell'utilizzo che ne fa l'operatività (di un dato segmento temporale e con riferimento a un dato settore di mercato).

Non può essere messo in dubbio, d'altra parte, che le ragioni di un sopravvenuto mutamento nelle modalità di pagamento nel contesto di un rapporto contrattuale che dura da anni, come pure l'essersi o meno “consolidata” la nuova modalità, sono circostanze di peculiare rilievo in odine alla valutazione di (a) normalità dei pagamenti di cui si chiede la revoca. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale