Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 26012 - pubb. 09/10/2021

Equa riparazione per eccessiva durata del processo e accertamento del passivo nel fallimento: rileva il credito ammesso, non la somma iscritta nel riparto

Cassazione civile, sez. II, 17 Settembre 2021, n. 25181. Pres. Manna. Est. Cosentino.


Equa riparazione – Giudizio di verificazione dello stato passivo – Valutazione del credito azionato o, se inferiore, della somma per cui il creditore è ammesso – Sufficienza – Iscrizione del creditore al riparto – Irrilevanza



In tema di equa riparazione, nel caso del giudizio di verificazione dello stato passivo, occorre aver riguardo al credito azionato dal ricorrente ovvero, se inferiore, alla somma per la quale il creditore, all'esito del giudizio stesso, risulti essere stato ammesso, a nulla rilevando, almeno a tal fine, la somma per la quale il creditore ammesso risulti, poi, iscritto al riparto. (massima ufficiale)


Il testo integrale