Diritto del Lavoro


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 27525 - pubb. 22/06/2022

Assegno di invalidità e riduzione della capacità specifica in misura inferiore a quella normativamente rilevante

Cassazione civile, sez. VI, 23 Maggio 2022, n. 16599. Pres. Leone. Est. Buffa.


Assegno di invalidità - Incapacità di lavoro - Nozione - Riduzione della capacità specifica in misura inferiore a quella normativamente rilevante - Obbligo del giudice di accertare la riduzione della capacità generica - Esclusione - Fondamento



La capacità di lavoro dell'assicurato, alla quale fa riferimento l'art. 1 della l. n. 222 del 1984 ai fini della valutazione della sussistenza del requisito sanitario richiesto per l'attribuzione della prestazione previdenziale dell'assegno di invalidità, consiste nella idoneità a svolgere, in primo luogo, il lavoro di fatto esplicato (capacità specifica), ed inoltre tutti i lavori che l'assicurato per condizioni fisiche, preparazione culturale ed esperienze professionali sia in grado di svolgere (capacità generica), i quali vengono in considerazione soltanto in caso di accertata inidoneità dell'assicurato allo svolgimento del lavoro proprio. Ne consegue che, ove la capacità dell'assicurato di svolgere il lavoro di fatto esplicato si sia ridotta, ma senza raggiungere la soglia, normativamente rilevante, della riduzione a meno di un terzo, il giudice non ha l'obbligo - prima di escludere il diritto alle richieste prestazioni previdenziali - di accertare anche l'incapacità dell'assicurato di svolgere altre attività lavorative, compatibili con le sue capacità ed attitudini. (massima ufficiale)


Il testo integrale