Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25250 - pubb. 06/05/2021

Concordato preventivo in continuità c.d. misto e nomina del liquidatore

Tribunale Perugia, 01 Aprile 2021. Pres. Giardino. Est. Monaldi.


Concordato preventivo c.d. misto – Nomina del liquidatore



Se la disciplina dell’art. 186 bis L.F. consente all’imprenditore di agire in autonomia, senza essere affiancato da un organo gestorio, occorre considerare che laddove il piano colleghi una parte economicamente rilevante del soddisfacimento dei creditori alla liquidazione di beni non indispensabili è necessario provvedere alla nomina di un liquidatore giudiziale, ancorché la sua presenza non sia ipotizzata nello stesso ricorso, non essendo consentito, né apparendo opportuno, che sia la stessa parte a gestire anche il compimento di complesse attività liquidatorie, non dipendenti da scelte inerenti l’esercizio dell’azienda, il cui sollecito compimento è necessario nell’economia del piano e che potrebbero essere artatamente ritardate. (Barbara Chianelli) (Francesco Sardegna) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione dell’Avv. Barbara Chianelli e dell’Avv. Francesco Sardegna



Il testo integrale