Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25193 - pubb. 11/01/2021

I debiti generali dalla continuità non possono essere regolati da una nuova procedura di risoluzione della crisi

Tribunale Bologna, 06 Ottobre 2020. Pres. Florini. Est. Rimondini.


Concordato preventivo – Continuità aziendale – Debiti generati dalla prosecuzione dell’attività – Accesso a successiva diversa procedura di regolazione dell’insolvenza – Esclusione



Non è condivisibile la tesi per cui i debiti sorti dopo l’omologa del concordato con continuità sarebbero estranei al piano e alla proposta già omologati, ciò in quanto, se si decide di destinare i flussi di cassa al pagamento di nuovi debiti in luogo di quelli sorti antecedentemente, significa che le risorse preventivate non sono all’evidenza sufficienti, tanto da generare nuove passività che sono inevitabilmente collegate con l’inadempimento di quelle pregresse; i debiti successivi all’omologa, pertanto, se funzionali a garantire la continuità di impresa sono coessenziali all’esecuzione stessa del piano.

Qualora pertanto il concordato in continuità non sia in grado di risolvere la situazione di insolvenza e i nuovi debiti generati dalla continuità sono riconducibili alla situazione di insolvenza che ha giustificato la presentazione della domanda di concordato, non è possibile consentire all’imprenditore di risolvere la propria situazione di difficoltà  mediante una nuova procedura.

Infatti, come già rilevato dalla giurisprudenza di merito (Trib. Modena 1° aprile 2019, in www.ilcaso.it: “ogni successiva devoluzione in procedura concordataria della medesima insolvenza inevitabilmente si propone come un'inammissibile elusione della normativa in esame, che deve ritenersi di ordine pubblico economico (con ciò riferendosi a quei principi che regolano attività dei privati, i loro rapporti e gli scambi commerciali in genere e nel caso in esame, il governo della crisi per il tramite di strumenti concorsuali predisposti dall'ordinamento)”. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale