Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 2142 - pubb. 26/04/2010

Carenza di motivazione in sede di verifica del passivo ed ammissione del credito

Tribunale Vicenza, 15 Maggio 2008. Est. Limitone.


Fallimento – Accertamento del passivo – Obbligo di motivazione in sede di verifica tempestiva – Non sussiste. (26/04/2010)



Anche dopo la riforma dell’accertamento del passivo, il difetto di motivazione del Giudice delegato, quand’anche la motivazione sia del tutto omessa o inconferente, non determina vizio del provvedimento di esclusione del credito, tale da comportarne l’ammissione in sede di opposizione allo stato passivo, sia perché è il Tribunale che fornisce la motivazione definitiva a seguito di accertamento pieno, sia perché non è concepibile l’ammissione al passivo soltanto a causa di pretesi vizi della motivazione del provvedimento del Giudice delegato, attesa la sommarietà e non definitività dell’accertamento del credito compiuto nella verifica tempestiva. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale