Diritto Penale


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 20274 - pubb. 26/07/2018

Usura ed interessi moratori

Tribunale Ferrara, 06 Luglio 2018. Est. Anna Ghedini.


Inadempimento del debitore – Interessi moratori e interessi corrispettivi – Sommatoria

Inadempimento del debitore – Interessi moratori – Inesistenza tasso soglia interessi moratori

Inadempimento del debitore – Interessi moratori – Inesistenza tasso soglia interessi moratori



Nessuna norma di Legge, né tantomeno la sentenza di Cassazione n. 350/2013 consentono di operare la sommatoria tra gli interessi corrispettivi e gli interessi moratori al fine di rapportarne il risultato al tasso soglia.

Gli interessi di mora sono funzionalmente diversi da quelli corrispettivi, avendo in comune con questi solo le modalità di calcolo ma integrano per il resto un risarcimento del danno in via forfettaria. (Enrico De Crescenzo) (riproduzione riservata)

Non esiste un tasso soglia degli interessi moratori, ma solo di quelli corrispettivi pertanto applicare questo, puramente e semplicemente, anche a quelli moratori darebbe vita ad un’applicazione priva di base normativa, priva di razionalità e censurabile ex art 3 Cost.

Peraltro, quand’anche la Banca d’Italia procedesse a rilevare e a quantificare un tasso soglia specificamente moratorio, resterebbe il fatto che una fonte secondaria non può decidere se anche tali interessi possono integrare la fattispecie di reato ex art 644 c.p., competendo solo al legislatore individuare l’area dell’illecito penalmente rilevante. (Enrico De Crescenzo) (riproduzione riservata)

Gli interessi moratori rappresentano un’eventualità non preventivamente quantificabile nella sua incidenza, non potendo le parti sapere al momento della conclusione del contratto se e per quanto tempo il mutuatario sarà inadempiente e, quindi, per quanto tempo decorreranno gli interessi di mora.  (Enrico De Crescenzo) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Enrico De Crescenzo


Il testo integrale