Il Condominio


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16858 - pubb. 09/03/2017

Indennità di sopraelevazione e risarcimento del danno

Cassazione civile, sez. II, 15 Novembre 2016, n. 23256. Est. Scarpa.


Condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - Sopraelevazione - In genere - Condominio - Indennità di sopraelevazione - Natura - Responsabilità da atto lecito - Conseguenze



La domanda volta al conseguimento dell'indennità ex art. 1127, comma 4, c.c. fonda su di un debito per responsabilità da atto lecito del proprietario dell'ultimo piano che, realizzando la sopraelevazione, abbia aumentato il proprio diritto sulle parti comuni dell'edificio e, pertanto, non include, neppure implicitamente, la richiesta risarcitoria derivante dalla compromissione statica o architettonica dell'edificio, ovvero dalla diminuzione di aria e luce ai piani sottostanti, azione che origina, al contrario, da fatto illecito di detto proprietario, ex art. 2043 c.c., e della quale la prima suppone, anzi, l'accertata inesistenza dei presupposti. (massima ufficiale)


Il testo integrale