Diritto Bancario


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16789 - pubb. 24/02/2017

La usurarietà degli interessi moratori comporta la nullità della sola clausola che li prevede

Tribunale Siracusa, 10 Febbraio 2017. Est. Chiara Salamone.


Contratto di mutuo fondiario – Interessi moratori usurari – Esclusione gratuità mutuo

Commissione di massimo scoperto – Esclusione dal TEGM



Gli interessi di mora sono soggetti alla disciplina sull'usura ma, non essendo possibile accomunare interessi moratori e interessi corrispettivi in quanto aventi natura e funzioni diverse, la usurarietà degli interessi moratori comporta la nullità soltanto della clausola che li prevede, con riduzione degli interessi al tasso legale in caso di usura originaria e al tasso soglia in caso di usura sopravvenuta. In tal modo si scongiura il rischio di premiare ed incentivare l'inadempimento, che costituisce pur sempre una mera eventualità patologica nello svolgimento del rapporto contrattuale e che potrebbe risultare addirittura conveniente se si accede alla tesi della gratuità dell'intero negozio. (Maria Genovese) (riproduzione riservata)

La commissione di massimo scoperto non va computata quale onere del credito per i periodi in cui i decreti ministeriali non l'hanno inclusa ai fini della individuazione del TEGM. Tale soluzione interpretativa deriva dall'esigenza di comparare entità omogenee in quanto la c.m.s. svolge una funzione diversa rispetto alla pattuizione di interessi ed ha un peculiare meccanismo di calcolo basato, a differenza del calcolo degli interessi, sul picco di utilizzo per un certo periodo di giorni con l'applicazione di un certo tasso di interesse.  Vi è inoltre una difficoltà logica nell'ammettere la sommatoria della c.m.s. agli altri oneri del credito con riferimento a momenti in cui il TEGM rilevato dalla Banca d'Italia non comprendeva la c.m.s. (in altri termini, non appare logico che si includa la c.m.s. nel tasso applicato nel singolo contratto, quando invece nel tasso mediamente rilevato la medesima, pur essendo applicata abitualmente, era certamente esclusa). (Maria Genovese) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Maria Genovese


Il testo integrale