Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11702 - pubb. 01/12/2014

L'impresa può definirsi agricola e non assoggettabile a fallimento esclusivamente in base ad un'indagine sull'attività effettivamente svolta

Tribunale Rovigo, 20 Novembre 2014. Est. Martinelli.


Imprenditore agricolo - Assoggettabilità a fallimento - Oggetto sociale dell'attività - Irrilevanza - Indagine sull'attività effettivamente svolta - Necessità - Fattispecie in tema di coltivazione di ortaggi in serra



Solamente l'indagine dell'attività effettivamente svolta dall'imprenditore può rivelarne la eventuale natura agricola e, di conseguenza, la assoggettabilità o meno al fallimento. La mera indicazione dell'oggetto sociale di un'attività imprenditoriale non può, infatti, essere indice univoco della natura giuridica dell'impresa, poiché è la concreta attività svolta che la qualifica, non la potenziale attività indicata sul piano meramente lessicale. Questa impostazione trova conferma nel consolidato orientamento giurisprudenziale che attribuisce la natura di impresa artigiana - ai fini del riconoscimento del privilegio per i relativi crediti - a prescindere dalla iscrizione nel registro delle imprese artigiane, sulla base di un accertamento di fatto compiuto dal giudice con riferimento al momento dell'insorgenza del credito. (Nel caso di specie, è stata ritenuta agricola e, quindi, non assoggettabile a fallimento l'impresa la cui attività consisteva nell'acquisto di semi di specie orticole, nella germinazione in apposite camere in polistirolo o di materiale plastico, nell'accrescimento delle piantine in serra sino al momento in cui le stesse erano idonee alla vendita per il successivo trapianto in campo). (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale