Diritto Societario e Registro Imprese


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16049 - pubb. 28/10/2016

Scorrettezza delle appostazioni di bilancio e responsabilità della SGR per i danni causati al fondo gestito

Tribunale Milano, 17 Aprile 2014. Est. Alessandra Dal Moro.


Società - Delibere - Impugnazione - Termine di decadenza valido per tutte le fattispecie di invalidità

Società di gestione del risparmio - Fondo comune di investimento - Responsabilità per danni causati nella gestione e amministrazione del fondo - Scorrettezza delle appostazioni di bilancio - Irrilevanza - Evento specifico che incide sulla consistenza reale del patrimonio - Necessità



Il legislatore, mediante la formulazione del quarto e quinto comma dell’articolo 2391 c.c., che contempla tutti i casi di delibera non conforme alla legge o allo statuto, senza alcun richiamo alla norma specifica di cui all’articolo 2379 c.c., ha inteso introdurre un limite temporale entro il quale i soggetti legittimati possono far valere i vizi in questione; ogni violazione di legge o di statuto può, pertanto, essere fatta valere nel termine di decadenza di novanta giorni dalla pronuncia della delibera. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)

In tema di accertamento della responsabilità della società di gestione per i danni causati al fondo nella gestione e amministrazione dello stesso, va rilevato che la violazione e la scorrettezza delle appostazioni di bilancio non è di per sé causa di danno, in quanto non è sufficiente a provocare una diminuzione del patrimonio del fondo in danno dei quotisti; pertanto, in mancanza di allegazione e prova di un evento specifico che incida sulla consistenza reale (e non sulla valorizzazione contabile) del patrimonio (quale può essere, ad esempio, la dismissione dell’investimento ad un prezzo incongruo rispetto al valore di mercato della quota del fondo a causa della rappresentazione infedele del suo valore) il quotista non può lamentare un danno patrimoniale e chiedere l’accertamento della responsabilità di chi le avrebbe causato. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Il testo integrale